stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Distrutto da un incendio il "Villaggio della Gioventù": polmone verde di Raffadali

Distrutto da un incendio il "Villaggio della Gioventù": polmone verde di Raffadali

Distrutto da un incendio il "Villaggio della Gioventù", cuore verde di Raffadali. Il parco si è svegliato bruciato e danneggiato in diverse parti. Un'ampia area della vegetazione è andata letteralmente in cenere e non si esclude che dietro all'incendio ci sia la mano dell'uomo, anche se per il momento è impossibile avere certezze, visto che la zona è prima di un impianto di videosorveglianza.

Il Villaggio della Gioventù è stato realizzato nella prima metà degli anni '60 per iniziativa dell’amministrazione comunale per creare un luogo di aggregazione. Nel tempo il parco è stato utilizzato per svariate iniziative dell’amministrazione in aggiunta all’originaria destinazione, ospitando anche fiere di prodotti artigianali del territorio.

"Quello che è successo stamattina - dice Giuseppe Migliara, responsabile comunicazione della Nuova Dc di Raffadali - è stato un gesto vergognoso. Ci sono voluti decenni per costruire e in un secondo è stato distrutto tutto. Un'area verde con tanta storia dove le persone andavano a prendere una boccata d'ossigeno ora è ridotta in cenere. Non capisco e non comprenderò mai il gesto dell'autore di questo orrore ma spero, e non solo io ma tutto il popolo raffadalese, che a questo posto era molto legato, che il colpevole venga individuato e punito".

Solo ieri, sempre in provincia di Agrigento, un altro rogo si è sviluppato a Ribera nella zona adiacente un rifugio per extracomunitari tra via Musso e via Picasso. La struttura qualche anno fa ospitava una cantina. Le fiamme hanno avvolto cumuli di sterpaglie e hanno pericolosamente sfiorato la struttura. Sul posto sono intervenute alcune squadre di vigili del fuoco del distaccamento di Sciacca che hanno avviato le operazioni di spegnimento dell'incendio mentre i migranti si davano alla fuga.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X