stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Agrigento, blitz contro la scalata del boss Massimino: chieste 21 condanne in appello
KERKENT

Agrigento, blitz contro la scalata del boss Massimino: chieste 21 condanne in appello

Agrigento, Cronaca
Antonio Massimino

I sostituti procuratori generali di Palermo, Francesca Lo Verso e Giuseppina Motisi, al termine della requisitoria del processo di appello, hanno chiesto la condanna di ventuno persone coinvolte nella maxi inchiesta Kerkent, l'operazione della Dia che ha fatto luce, con il blitz scattato il 4 marzo del 2019, sulla scalata al vertice della famiglia mafiosa di Agrigento del boss Antonio Massimino tornato operativo dopo due condanne. Il boss di Villaseta avrebbe riorganizzato il clan con estorsioni a tappeto e con un vasto traffico di cocaina. I magistrati che rappresentano l’accusa in appello hanno chiesto la conferma delle 19 condanne decise in primo grado, oltre a un aumento di pena per Massimino (da 20 anni a 22 anni) e una condanna a 9 anni, 10 mesi e 15 giorni per il commerciante di auto Salvatore Ganci che era stato assolto. L’accusa era di avere commissionato al capomafia una rappresaglia ai danni di un uomo vicino al clan che lo aveva truffato acquistando un’automobile del suo negozio con un assegno falso. Massimino, insieme a un affiliato, avrebbe sequestrato la moglie del truffatore, che poi ha collaborato con gli inquirenti, e l’avrebbe palpeggiata per dargli una lezione. I pg hanno chiesto 9 anni, 10 mesi e 15 giorni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X