stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia agrigentina, chiesti 3 secoli di carcere per gli imputati dell'inchiesta "Kerkent"
DDA

Mafia agrigentina, chiesti 3 secoli di carcere per gli imputati dell'inchiesta "Kerkent"

Chiesti 335 anni di carcere per tutti gli imputati della maxi inchiesta antimafia «Kerkent». Sono ventotto le condanne con pene fra i 6 e i 20 anni chieste dai pm della Dda di Palermo, Calogero Ferrara e Pierangelo Padova.

La pena più alta, 20 anni, è stata chiesta per il personaggio chiave dell'operazione, il boss Antonio Massimino, 50 anni, che, tornato libero dopo le due condanne rimediate nelle operazioni «San Calogero» e «Akragas», si sarebbe rimesso al «lavoro» mettendo in piedi la cosca mafiosa dedita anche ad estorsioni nei confronti di imprenditori agrigentini.

Dieci gli anni chiesti per il suo braccio destro Liborio Militello. Tutti gli altri imputati, compreso il figlio trentunenne Gerlando, avrebbero, invece, fatto parte dell’organizzazione criminale parallela, diretta dallo stesso Massimino, dedita al traffico di droga che doveva servire a finanziare il clan.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X