stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tre morti in un naufragio al largo di Lampedusa, tra le vittime anche un neonato
POPOLI IN FUGA

Tre morti in un naufragio al largo di Lampedusa, tra le vittime anche un neonato

Agrigento, Cronaca
I migranti soccorsi al largo di Lampedusa

Un adulto e un neonato di circa un anno e il cadavere di una donna sono stati recuperati, dopo un naufragio registratosi a 38 miglia dalla costa di Lampedusa, dalle motovedette della Guardia costiera.
Rianimato un altro neonato che è stato salvato appena in tempo. Sono 30 i migranti salvati dai militari della Guardia costiera che stanno per arrivare al molo Favarolo dove la macchina dei soccorsi è già schierata. Il cadavere di una donna è stato recuperato da uno dei due pescherecci tunisini che si sono occupati dei soccorsi dei migranti finiti in acqua, a circa 38 miglia da Lampedusa, dopo che il barchino  sul quale viaggiavano si è ribaltato ed è affondato. Salgono a quindi a tre le vittime del naufragio registratosi in tarda mattinata. Prima erano stati recuperati i cadaveri di un uomo adulto e di un bambino di 1 anno.

Avviata un’inchiesta della Procura

La Procura di Agrigento, con l’aggiunto Salvatore Vella, ha aperto un fascicolo d’inchiesta, a carico di ignoti, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e morte quale conseguenza di altro reato. I 30 migranti, salvati dalla Capitaneria di porto a 38 miglia dalla costa, stanno per arrivare nel molo Favarolo.
Tutti i superstiti verranno, come sempre avviene in casi di questo genere, ascoltati per provare a ricostruire cosa sia accaduto durante il viaggio e come e perché il bambino di un anno e l’adulto siano finiti in mare e annegati. Si cercherà anche di identificare gli scafisti.

Sbarcati in 307 Lampedusa, emergenza hotspot

Sette sbarchi nella notte a Lampedusa dove sono approdati in tutto 307 migranti. I primi tre approdi hanno portato sull’isola 163 persone e all’alba, su 4 barconi, sono arrivati in 144. I soccorsi sono stati portati a termine da Guardia di finanza e Guardia costiera. I migranti sono originari di Congo, Costa d’Avorio, Mali, Nigeria, Gambia, Camerun e Burkina Faso. Situazione di totale emergenza all’hotspot dell’isola dove ci sono 1.300 ospiti a fronte di 390 posti disponibili. La Prefettura di Agrigento ha disposto il trasferimento, con i traghetti di linea della mattina e della sera per Porto Empedocle, di 180 persone: 100 partiranno in mattinata e 80 in serata.

Il barchino partito da Sfax

Era partito da Sfax, in Tunisia, il barchino - con a bordo 37 persone - che è naufragato a circa 38 miglia dalla costa di Lampedusa. Aumentano - per come era stato già evidenziato, nei giorni scorsi, dal procuratore capo di Agrigento, facente funzioni, Salvatore Vella - le imbarcazioni in metallo, con motore fuoribordo, costruiti in lamiera e neanche verniciati.
Natanti che hanno una grandissima instabilità. La Procura, con un un focus sui continui cambiamenti delle partenze dalla Tunisia, ha scoperto questi dettagli sulla navigabilità che mettono a rischio la vita di chi parte dal nordafrica.

«I trafficanti di essere umani tunisini nascono come pescatori che si sono riconvertiti a un business criminale e, in genere, - spiega Salvatore Vella - hanno un atteggiamento di grande rispetto nei confronti dei loro connazionali. Il fatto che, a bordo di questi barchini in metallo, non vi siano tunisini, ma sono quasi ed esclusivamente subsahariani ci porta a pensare che questa modalità di navigazione sia estremamente pericolosa e quindi, probabilmente, meno cara e per questo, a bordo di queste imbarcazioni, vi sono soltanto subsahariani che, purtroppo, sono persone che, in genere, non sanno nuotare. Quando questi barchini si capovolgono e affondano velocemente, essendo in metallo, causano la morte di quasi tutti coloro che erano a bordo, se non c’è un intervento immediato di natanti impegnati in operazioni di salvataggio».

Il sindaco: Piantedosi venga a Lampedusa, serve una legge speciale

«Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, venga a Lampedusa e stia almeno 24 ore con me. Forse così si renderà conto dell’enormità del problema e proporrà al Governo Meloni delle soluzioni serie e concrete».
Lo ha detto il sindaco di Lampedusa e Linosa, Filippo Mannino, dopo l’ennesimo naufragio davanti alle coste dell’isola.
Appena ieri mattina, nelle acque antistanti Cala Uccello, è stato recuperato il cadavere di un immigrato che è stato poi portato alla camera mortuaria del cimitero di Cala Pisana.

«Siamo in guerra che molti ignorano o fanno finta di ignorare. Serve una legge speciale per Lampedusa che aiuti concretamente a gestire questo fenomeno che ha ricadute sulla gestione del territorio, e quindi sull’amministrazione comunale. Serve una task force pronta ad occuparsi di tutti gli aspetti connessi ai soccorsi e alla macchina dell’accoglienza: il ministro Piantedosi venga di persona, venga a vedere». L’ha detto, in merito all’ultimo naufragio registratosi a 38 miglia dalla costa, il sindaco delle Pelagie Filippo Mannino.
«Spero che il Governo Meloni si ravvedi e nel milleproroghe conceda al nostro Comune gli aiuti promessi. Con questi ritmi, con questi numeri da capogiro anche in pieno inverno, non so - ha sottolineato Mannino - fino a quando riusciremo a fronteggiare tutto ciò».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X