stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Depurazione carente nell'Agrigentino, associazioni sul piede di guerra

di
acqua, servizi, Salvatore Licari, Agrigento, Cronaca

«Su 440.000 residenti in provincia di Agrigento, 226.000 non sono serviti dalla depurazione delle acque reflue, pari a 12 milioni di metri cubi non trattati». Lo sostiene il presidente dell'associazione Etikos, Salvatore Licari che fa parte, assieme ad altre realtà associazionistiche provinciali del coordinamento «Titano» per l'acqua pubblica.

Per Licari, questo significa: «inquinamento delle falde acquifere, danni alla catena alimentare, danni tossicologici alla salute dell'uomo, inquinamento mare e coste». Poi si scaglia contro i sindaci: «I Comuni incaricati al controllo ed alla realizzazione delle opere dove sono? Rafforzino l'Ato idrico provinciale quale unica autorità per legge al governo del sistema idrico-depurativo, composto dai comuni e quindi dagli stessi sindaci».

Ed ancora: «Abbandonino speculari iniziative fuori da ogni previsione di legge di consorzi comunali già commissariati e pieni di debiti, e si pongano alla gestione con la azienda speciale consortile. Lo Stato, la Regione hanno stanziato dal 2012 oltre un miliardo e 300 milioni di opere per impianti depurazione: perché non li attivano i Comuni».

Attualmente sono fermi i finanziamenti per le reti idriche. 

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento, Caltanissetta ed Enna del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X