stampa
Dimensione testo
DISAGI NELL'AGRIGENTINO

Girgenti Acque: «In sette paesi è emergenza idrica»

di
Il presidente Campione: «Ribadiamo la disponibilità a mettere a disposizione il nostro personale ed i mezzi necessari»

AGRIGENTO. Secondo Girgenti Acque, la società per azioni, presieduta da Marco Campione, che gestisce le risorse idriche in gran parte delle città agrigentine, “si aggrava la situazione idrica nei Comuni alimentati dalla condotta Tre Sorgenti: Castrofilippo, Grotte, Naro, Racalmuto, Ravanusa, Canicattì e Campobello di Licata”. Ormai da martedì, a causa della riduzione della portata idrica decisa da Siciliacque per eseguire degli interventi di riparazione nella rete, in otto paesi della provincia i disagi per gli utenti non mancano di certo.

In alcuni centri, come Licata (dove tra l’altro non c’è stato uno stop alla fornitura, ma solo una riduzione del cinquanta per cento) l’acqua è tornata ieri, ma i turni riprenderanno ad essere regolari solo tra qualche giorno. Le nuove “accuse” che Girgenti Acque rivolge al Tre Sorgenti riguardano, però, altri Comuni dell’agrigentino.  «La riduzione della fornitura – si legge ancora nel comunicato stampa diffuso ieri dalla società agrigentina - scaturisce dalla mancata riparazione delle falle sulla condotta di adduzione da parte del Consorzio Tre Sorgenti». Girgenti Acque, poi, fa il punto della situazione riguardo alla distribuzione idrica.

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X