stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Gestione idrica, i sindaci agrigentini: "Sì all'Azienda consortile speciale"

Gestione idrica, i sindaci agrigentini: "Sì all'Azienda consortile speciale"

di

Azienda speciale consortile: passa la linea delle associazioni dei cittadini ed i sindaci dei Comuni agrigentini che fanno parte dell'Assemblea idrica optano per questa forma societaria, preferendola alla Società per azioni a capitale pubblico.

Esultano il forum per l'acqua pubblica ed il coordinamento provinciale «Titano» che hanno «sollecitato» i sindaci nelle scorse settimane per giungere a questo voto storico che dovrebbe riportare l'acqua pubblica.

Il voto è stato quasi unanime: su 43 Comuni era assente solo Casteltermini (commissariato e senza sindaco dopo le vicende di alternanza tra Gioacchino Nicastro e Filippo Pellitteri) e a votare per l'Azienda speciale consortile sono stati 31 Comuni. Si sono astenuti, invece, i sindaci di 9 paesi che chiedono di gestire le reti idriche in house.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X