stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Caso Zambuto, Alfano tuona sulla «Severino»: questa legge va cambiata
AGRIGENTO

Caso Zambuto, Alfano tuona sulla «Severino»: questa legge va cambiata

di
Il membro del Governo: «Io credo che fuori da ogni ideologia, credo che occorra farsi ispirare dal buon senso e dalla concretezza»

AGRIGENTO. "Tuona" contro la "sospensiva", prevista per i sindaci condannati, della legge Severino. Recriminando la necessità di "cambiare" la legge, porta l'esempio di quanto accaduto all'ormai ex sindaco di Agrigento Marco Zambuto. Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, a Napoli, ha incontrato il sindaco Luigi De Magistris, in occasione della firma del protocollo di intesa per la cessione della caserma Bixio alla scuola militare Nunziatella.

«Io credo che fuori da ogni ideologia, credo che occorra farsi ispirare dal buon senso e dalla concretezza. C'è stata una legge, questa legge, in sue parti molto significative, ha funzionato ed in altre parti no - ha detto il ministro Alfano - . Prima di fare altre vittime innocenti, come alcuni amministratori locali dimostrano che può accadere, anzi è già accaduto, cambiamo la legge Severino». Non ha dubbi il ministro dell'Interno: «La legge Severino, secondo me, è una legge da cambiare. È da cambiare la sospensiva». Ed a Napoli, ai microfoni dei cronisti locali che lo incalzavano sul "caso" De Magistris, ha raccontato: «Un altro caso che si è verificato è ad Agrigento e parlo di un sindaco del partito Democratico. E' stato condannato in primo grado, è stato di fatto costretto a dimettersi per senso istituzionale. Poi è stato assolto in Corte d'appello. Questo dimostra che la legge Severino non funziona e va cambiata».

«Il ministero dell'Interno ha il dovere di difendere i propri atti - ha detto Alfano, in merito alla richiesta del Governo di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza che ha reintegrato il sindaco partenopeo - perché se non difendesse i propri atti darebbe il segno di decisioni affrettate o comunque non fondate sul diritto. Quello è un dovere. Altra cosa è, e lo dico con pieno convincimento politico ed istituzionale, il tema della legge Severino. Secondo me è una legge da cambiare. Il caso che riguarda la sospensiva al sindaco De Magistris dimostra come quella legge non regga bene di fronte ad un giudice amministrativo».

 

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X