ALLARME

Ludopatia, numeri in crescita ad Agrigento. In soli sei mesi spesi 250 milioni di euro

di
gioco d'azzardo, ludopatia, slot machine, Agrigento, Economia
Ludopatia

Ludopatia, un fenomeno preoccupante nell'Agrigentino con numeri sempre in crescita. I sindaci corrono ai ripari con misure idonee a contrastare la dipendenza da gioco patologico. Da Ribera a Canicattì i dati sono allarmanti.

Dal bingo alle scommesse sportive, dai gratta e vinci alle slot machine fino ai giochi online: sono in tutto più di 250 milioni di euro i soldi spesi in provincia di Agrigento per il gioco d'azzardo nel primo semestre del 2018. In particolare 150.147.056 euro sono stati spesi nel gioco fisico e 109.720.654 euro nel gioco online. Una tendenza che sembra in aumento rispetto al 2017 quando complessivamente nei 43 comuni della provincia di Agrigento sono stati spesi 482.326.866 euro.

I dati sono emersi durante il seminario intitolato "Oltre la ludopatia" che si è svolto a Montevago. L'evento formativo - che ha coinvolto insegnanti, psicologi, tecnici della riabilitazione, terapisti occupazionali, infermieri e assistenti sociali - è stato promosso dal Cirf in collaborazione con l'Ordine professionale degli assistenti sociali in Sicilia, l'associazione "Mettiamoci in gioco" e con il patrocinio del Comune, dell'Assemblea regionale siciliana e dell'assessorato regionale per la Salute ha visto la partecipazione, tra gli altri del sindaco di Montevago e presidente della commissione Salute dell'Ars, Margherita La Rocca Ruvolo. "Purtroppo, come dimostrano i dati - ha detto La Rocca Ruvolo - si continua a spendere sempre di più nel gioco d'azzardo e sempre più persone continuano a rovinarsi. Un problema serio per le famiglie coinvolte ma anche un grave problema sociale che ha pesanti ricadute anche sui costi del servizio sanitario".

Fenomeno in aumento anche a Canicattì. Emerge dalle diverse relazioni fornite dal Sert e dall'assistente sociale del Comune di Canicattì, Angela Carrubba, dalle quali scaturisce un preoccupante incremento sul territorio canicattinese dei casi di gioco d'azzardo patologico. A Canicattì risulta che i casi di ludopatia, definita come una delle prime forme di "dipendenza senza droga", sono praticamente raddoppiati passando dal 2,5% al 5% del totale dei casi trattati, con un budget annuo di somma giocata di 546 euro, pari a 19 milioni di euro giocate all'anno. La stragrande maggioranza di tali giocatori compulsivi, con sindrome da dipendenza, sono soggetti appartenenti alle categorie meno abbienti le cui famiglie, amici e lavoro sono negativamente influenzati dall'attività ludopatica.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X