stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Abusivismo ad Agrigento, la decisione del Tar: niente demolizione se c'è sanatoria in corso
IL CASO

Abusivismo ad Agrigento, la decisione del Tar: niente demolizione se c'è sanatoria in corso

di

«L’ordine di demolizione di un immobile è illegittimo se è pendente il procedimento di sanatoria». Lo ha stabilito il Tar «salvando» dalle ruspe un fabbricato in contrada Cannatello-Fegotto.

Il Comune di Agrigento, secondo quanto ricostruisce con una nota uno dei legali che ha seguito il caso, l’avvocato Girolamo Rubino, aveva ingiunto ai proprietari di procedere alla demolizione degli immobili realizzati in assenza di titolo edilizio, in relazione ai quali gli stessi avevano avanzato due distinte domande di condono edilizio: una, respinta con provvedimento poi annullato dal Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana, e l’altra rimasta inevasa dall’amministrazione.

I proprietari decidevano, allora, di agire in giudizio, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino, Vincenzo Airò e Rosario De Marco Capizzi, al fine di ottenere l’annullamento, previa sospensione, dell’ordinanza con la quale il Comune di Agrigento aveva ordinato agli stessi la demolizione dei due fabbricati.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento, Trapani, Caltanissetta e Enna del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X