stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia ad Agrigento, il ladro si inginocchia e chiede perdono al boss
LE INTERCETTAZIONI

Mafia ad Agrigento, il ladro si inginocchia e chiede perdono al boss

furto, mafia, Agrigento, Cronaca
Calogero Di Caro

Aveva commesso un furto senza aver chiesto "il permesso" a Cosa Nostra e così è stato costretto ad inginocchiarsi e chiedere scusa e implorare pietà, per sé, la moglie e i figli.

L'uomo, come riporta Gerlando Cardinale in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, aveva rubato in un bar di Canicattì, su cui probabilmente il boss Calogero Di Caro aveva un ruolo occulto. La vicenda risale alla scorsa estate e la scena è immortalata dalle telecamere e dalle microspie nascoste. "Ho una moglie e due figli da crescere siccome neanche … neanche sapevo che quello era il tuo bar...". Così il pregiudicato, al cospetto del boss che lo incalza indossando la mascherina, lo costringe ad inginocchiarsi.

L'articolo completo sul Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X