stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, scoppia l'ospedale di Agrigento: esauriti i posti in terapia intensiva
NELLA NOTTE

Coronavirus, scoppia l'ospedale di Agrigento: esauriti i posti in terapia intensiva

coronavirus, Agrigento, Cronaca

È saturo l'ospedale di Agrigento. Tutti i posti di terapia intensiva riservati ai pazienti Covid messi a disposizione dal piano regionale sono esauriti.

A lanciare l'allarme è il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto. "L'ospedale di Agrigento ha soltanto sei posti a disposizione, già tutti pieni, 6 su 6. Stanotte l'ospedale ha esaurito tutti i posti Covid di terapia intensiva. Il governo regionale non ha assicurato l’apertura del centro Covid di Ribera. Un disastro annunciato, ci hanno lasciato senza assistenza".

Sono 200 i nuovi posti delle terapie intensive destinati dalla Regione all'emergenza coronavirus in Sicilia che fa passare il totale a 529. Inoltre, la metà dei posti di terapia sub-intensiva - 350 - potrebbe essere convertita in posti di terapia intensiva in caso di necessità dovute all'emergenza.

Un'emergenza che coinvolge tutta la Sicilia. Ieri sono stati registrati 475 nuovi i positivi che hanno fatto salire il totale a 6281: 479 ricoverati con sintomi di cui 61 in terapia intensiva. A preoccupare, nell'Agrigentino, la situazione nella zona rossa di Sambuca di Sicilia, dove si è registrata nelle ultime ore la quarta vittima della Rsa, avviata all'evacuazione a partire dalla serata di ieri.  Il sindaco Leo Ciaccio nel pomeriggio aveva chiesto l'evacuazione urgente della struttura e il loro ricovero in un centro Covid, temendo ulteriori vittime.

"Il grido d'allarme del sindaco di Agrigento Lillo Firetto non è isolato. Porteremo la questione all'attenzione della Commissione Salute all'Ars, meravigliandoci dell’assordante silenzio", ha detto il deputato regionale all'Ars Carmelo Pullara.

"Chiederò - conclude Pullara- quale sia l'azione da mettere in campo per affrontare il dilagare dei contagi con il conseguente esaurimento dei posti in terapia intensiva specie nel nostro ospedale di Agrigento".

Il commissario straordinario dell’Asp di Agrigento, Mario Zappia, risponde al sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, in merito alla condizione sanitaria creatasi presso il comune di Sambuca di Sicilia e nella provincia: "Si fa fatica - scrive - a comprendere il clima di ingiustificato allarmismo che scaturisce da alcune dichiarazioni rese in mattinata da una sola parte politica volte, verosimilmente, a strumentalizzare a fini elettorali, durante il pieno svolgimento della fase del ballottaggio per l’elezione del sindaco di Agrigento, una situazione epidemiologica che è certamente grave ma per fronteggiare la quale l’ASP dispone già di un piano per la risposta immediata a una eventuale recrudescenza di casi. Peraltro è bene ribadire alla città di Agrigento e all’intera provincia, che i nostri ospedali non hanno saturato alcuna potenzialità di ricovero. Le dichiarazioni - conclude - non tengono quindi conto dei dati effettivi, del lavoro fatto e purtroppo potrebbero ingenerare nella popolazione un ingiustificato allarme che è l'ultima cosa che serve in una circostanza seria e delicata come questa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X