stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Favara, non aiutò il boss: assolto un imprenditore
MAFIA

Favara, non aiutò il boss: assolto un imprenditore

di

I termini per impugnare le assoluzioni sono scaduti: diventa definitiva l'assoluzione dell'imprenditore favarese Salvatore Vitello, 45 anni, finito in carcere il 22 gennaio del 2018 nell'ambito della maxi operazione Montagna» e rimasto in cella per tre mesi con l'accusa di favoreggiamento aggravato.

Vitello, secondo quanto ipotizzava la Dda, aveva messo a disposizione il proprio negozio di ferramenta, a Favara, «per consentire ad appartenenti all'associazione mafiosa Cosa Nostra, provenienti da diverse parti della provincia di Agrigento, di prendere contatti con Giuseppe Quaranta».

Quest'ultimo, ex capomafia del paese, dopo l'arresto decise di collaborare con la giustizia aprendo nuovi spunti di collaborazione che, per la verità, a distanza di oltre due anni non hanno portato a significativi riscontri in termini giudiziari.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X