stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Canicattì, via libera al dissequestro dei beni di Lo Giudice
MAFIA

Canicattì, via libera al dissequestro dei beni di Lo Giudice

di

La Procura non impugna la decisione del tribunale di non confiscare la quasi totalità dei beni: diventa, quindi, definitivo il provvedimento della sezione misure di prevenzione, emesso nel settembre scorso, nei confronti dell'imprenditore Diego Gioacchino Lo Giudice, 73 anni, di Canicattì, arrestato e condannato a 10 anni di carcere nell'ambito dell'operazione antimafia «Apocalisse», considerato uno dei «fedelissimi» nonché prestanome dell'ex capo mafia provinciale Giuseppe Falsone.

Il 5 giugno, invece, si discuterà, davanti alla Corte di appello, il ricorso della difesa, affidata all'avvocato Angela Porcello, che chiede la revoca del provvedimento con cui i giudici della prima sezione avevano disposto la sorveglianza speciale per 3 anni e 6 mesi ma anche la confisca di una sola azienda - la Ecolmax - di cui era stata provata l'acquisizione illecita.

Rigettata la quasi totalità della richiesta di confisca dei beni, già oggetto di sequestro nel 2015, avanzata dalla Procura di Palermo: il Tribunale ha, infatti, deciso la restituzione del resto del patrimonio - in gran parte immobili e rapporti bancari riconducibili all'imprenditore - il cui valore è stato stimato in poco più di un milione di euro.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento, Caltanissetta ed Enna del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X