stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Racket mafioso a Siculiana, nove anni a imprenditore
DAL GDS IN EDICOLA

Racket mafioso a Siculiana, nove anni a imprenditore

di

Nove anni e sei mesi di reclusione per l'accusa di estorsione con metodo mafioso: i giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Malato, hanno condannato l'imprenditore Antonino Gagliano, 51 anni, di Siculiana, accusato di estorsione con metodo mafioso ai danni di un collega al quale, sostiene l'accusa, avrebbe imposto il racket.

Il pizzo, in entrambi i casi contestati, sarebbe stato imposto con lo stratagemma della fattura gonfiata che sarebbe servita a dare una giustificazione formale al pagamento.

La prima ipotesi di estorsione, aggravata dal metodo mafioso, contestata a Gagliano, riguardava la realizzazione di alcuni alloggi a Porto Empedocle. Gagliano aveva raggiunto un accordo col collega Carmelo Colletto al quale avrebbe fornito il calcestruzzo prodotto dalla sua impresa per delle opere di sbancamento.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X