stampa
Dimensione testo
OPERAZIONE FORTINO

Spaccio di droga a Favara, in cinque a processo

di
droga, Agrigento, Cronaca

Gli inquirenti l'hanno chiamata «operazione Fortino» perché i pusher del centro storico di Favara, per sviare le forze dell'ordine, avrebbero utilizzato persino un jammer per disturbare le eventuali intercettazioni dei carabinieri e, inoltre, per allontanare i sospetti ed evitare i controlli, si sarebbero serviti della presenza di bambini.

Adesso, i cinque indagati vanno tutti a processo senza neppure passare dall'udienza preliminare. Il gip Luisa Turco, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Paola Vetro, ha disposto il giudizio immediato.

Sul banco degli imputati andranno il ghanese Abass Bukary di 25 anni e quattro favaresi: Salvatore Stagno, 46 anni; Emanuele Di Dio, 41 anni; Rosario Crapa, 30 anni e lo zio Massimo Crapa, 45 anni. La strategia processuale adottata dai difensori, gli avvocati Antonio Bordonaro, Salvatore Cusumano e Salvatore Maurizio Buggea, è stata quella di chiedere il giudizio abbreviato.

La prima udienza è stata fissata, davanti al giudice Alessandra Vella, il prossimo 8 febbraio.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento, Caltanissetta ed Enna del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X