stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Meccanico morto in un'esplosione, chieste 2 condanne ad Agrigento

esplosione, Liborio Di Vincenzo, Agrigento, Cronaca

Dopo 9 anni dall'esplosione nell'officina del centro “Agriscia” di contrada San Benedetto dove morì il meccanico Liborio Di Vincenzo, il pubblico ministero ha chiesto la condanna dei due imputati. Tre anni e sei mesi di reclusione, per l'accusa di omicidio colposo, è la proposta di pena nei confronti di Angelo Scopelliti, 73 anni, legale rappresentante della società Agriscia; e Giovanni Caminiti, 58 anni, di Messina, medico delle due società coinvolte nella vicenda.

Il meccanico, così come riporta il Giornale di Sicilia in edicola, non avrebbe potuto svolgere quelle mansioni perché aveva diversi problemi fisici e, comunque, avrebbe lavorato in condizioni inadeguate e non conformi alle prescrizioni di legge.

Tra gli imputati c'era pure il grottese Salvatore Zaffuto, legale rappresentante della Cts scarl, ditta che operava nell'officina e alle cui dipendenze lavorava la vittima, morto durante il processo.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X