MINACCE

Migranti, lettera anonima al sindaco di Lampedusa: "Fai il tuo lavoro"

migranti, Open Arms, Totò Martello, Agrigento, Cronaca
Totò Martello

"Ong è una questione di ordine .. certo se lei la pensa così è triste. Dite che sono situazioni precarie e li vedi ridere, salutare come dei turisti e non stanno male ... lei faccia il suo lavoro".

E’ con queste parole, scritte di pugno, che è stata recapitata una lettera anonima di minacce al sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello.

Il mittente, così come indica l’intestazione della busta, è: "Prima i nostri". La missiva è stata recapitata ieri al Municipio. Nelle prossime ore Martello si recherà alla stazione dei carabinieri per formalizzare denuncia e consegnare la lettera.

"Il problema è che ormai basta che uno parla e affronta l'argomento immigrati, arrivano le minacce, le lettere, gli insulti", dice Martello. "Non l'ho letta tutta, primo perché mi fa schifo e secondo perché ci sono dei passaggi veramente incomprensibili - ha spiegato - . Ma non è soltanto la lettera, anche su Messanger e su Facebook è un continuo. Appena parli di migranti, scoppiano le rappresaglie".

La missiva, arrivata ieri, è stata spedita da un paese del Nord. Martello, nei giorni scorsi, indossando una maglietta con l'apposita scritta, aveva lanciato l'hashtag #IoSonoPescatore. "La prima volta che sono salito su una barca mi hanno insegnato che ogni vita umana in pericolo va salvata. Perché il mare ha le sue regole, e vanno rispettate", ha ricordato.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X