stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Licata, operazione Halycon: scatta un nuovo arresto

C'è un altro arresto - in esecuzione di una misura cautelare ai domiciliari - e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Ad eseguire i nuovi provvedimenti - mentre i 7 indagati, tutti quelli che erano stati fermati lo scorso 31 luglio, si sono visti notificare, direttamente in carcere, l'ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip del tribunale di Palermo - sono stati i carabinieri del Ros e quelli della compagnia di Licata.

L'inchiesta antimafia della Dda di Palermo è sempre quella denominata «Halycon»: quella che ha avuto al centro delle indagini la famiglia mafiosa di Licata e Giovanni Lauria, detto «il professore», che è stato ritenuto il «promotore e organizzatore».

Ad essere arrestato - e posto, appunto, ai domiciliari - è stato Antonino Cusumano, dipendente di un noto ristorante di Licata. È' stato ritenuto responsabile - da investigatori e inquirenti - di favoreggiamento, aggravato dall'aver agevolato l'associazione mafiosa. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, invece, per A. M.: anche lui ritenuto responsabile della stessa ipotesi di reato. I due destinatari delle misure cautelari, assieme ad M. M.: indagato per lo stesso reato, sono stati sottoposti - ieri mattina - a perquisizione domiciliare.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X