DAL GDS IN EDICOLA

Mafia a Racalmuto, confiscati beni per 120 milioni all'imprenditore Romano

di

La confisca dei beni e tre anni di sorveglianza speciale: sono le richieste del pm della Dda di Palermo nei confronti dell'imprenditore di Racalmuto, Calogero Romano, 63 anni, al quale, nel febbraio dell'anno scorso, è stato sequestrato un patrimonio di aziende e proprietà stimato in circa 120 milioni di euro che, secondo l'accusa, sarebbe stato acquisito per via della contiguità con Cosa Nostra.

Il magistrato della Procura, adesso, conclusa la fase istruttoria del procedimento di prevenzione, ieri ha chiesto la confisca, vale a dire l'acquisizione da parte dello Stato (definitiva solo dopo il terzo grado di giudizio), di tutti i beni sui quali sono stati apposti i sigilli.

Chiesta anche la misura di prevenzione personale per tre anni.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X