VIGILI DEL FUOCO

Incendio a Lampedusa, in fiamme il centro di raccolta dei rifiuti: nube di fumo

centro di raccolta, incendio, Lampedusa, rifiuti, Agrigento, Cronaca
Un Canadair in azione per spegnere il vasto incendio divampato nel Centro comunale di raccolta dei rifiuti di Lampedusa, 12 giugno 2019. ANSA/ FRANCESCO TERRACINA

Un vasto incendio ha interessato il Centro comunale di raccolta dei rifiuti di Lampedusa. 

E' intervenuto anche un Canadair per cercare di avere la meglio sul devastante incendio sviluppatosi stamani a Lampedusa al centro comunale di raccolta rifiuti di contrada Taccio Vecchio. I vigili del fuoco hanno lavorato per ore, ma a complicare ogni tentativo di spegnere il vasto fronte è stato il maestrale. Scoppi a ripetizione perché, al centro di raccolta, vi sono anche materiali speciali come copertoni, plastica, batterie e rifiuti ingombranti.

La nube nera è arrivata nell'abitato. In contrada Taccio Vecchio si sono recati anche due mezzi del distaccamento aeroportuale dei vigili del fuoco. Sono stati, inoltre, richiamati in servizio 5 pompieri che erano liberi.

"Ritorna tutto quello che era finito da anni, che sembrava passato. E' tornato il tempo dei rifiuti incendiati, delle discariche a cielo aperto, di un intero paese avvolto dalla diossina assassina, delle mega-discariche di detriti e rifiuti speciali persino a due passi dalle aule dove i bimbi sono andati a scuola, respirando polveri di ogni genere", ha scritto l'ex sindaco di Lampedusa e Linosa (Ag) Giusi Nicolini che s'è scagliata contro l'amministrazione guidata da Totò Martello.
"Quel centro di trasferenza in fiamme sembra la metafora di tutto ciò che è andato in fumo: anni di durissimo lavoro - aggiunge Nicolini - per mettere a sistema tutto il comparto ambientale, per cambiarla davvero questa isola insieme alla vita dei suoi abitanti".

Erano state programmate per i prossimi giorni delle ispezioni, delegate dalla Procura della Repubblica di Agrigento, nell'area del Centro comunale di raccolta rifiuti di contrada Taccio Vecchio. L'intera zona era stata posta infatti sotto sequestro, da parte dei carabinieri forestali, nell'ambito di un'indagine della Procura.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X