stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia a Sambuca, chiesti vent'anni per il boss Leo Sutera
DETTO "U PRUFISSURI"

Mafia a Sambuca, chiesti vent'anni per il boss Leo Sutera

mafia sambuca di sicilia, Leo Sutera, Agrigento, Cronaca
L'arresto di Leo Sutera

Leo Sutera era tornato pienamente operativo nel suo territorio di sempre, si interessava di lavori pubblici e appalti e cercava di far valere il suo «peso» mafioso acquisito dopo tanti anni di militanza, con due condanne sul «curriculum»” che ne avevano rafforzato il prestigio.

Ne è convinto il pubblico ministero della Dda di Palermo, Alessia Sinatra, che ha chiesto la condanna a 20 anni di carcere per il presunto capomafia di Sambuca, ritenuto uomo di fiducia del latitante Matteo Messina Denaro.

La richiesta è stata avanzata nel corso del processo in cui il boss di 69 anni è imputato per associazione mafiosa assieme a tre persone accusate di favoreggiamento: Giuseppe Tabone, imprenditore di 53 anni; Maria Salvato, fioraia di 45 anni; Vito Vaccaro, di 57 anni. Il processo si svolge con il rito abbreviato davanti al gup Marcella Ferrara, così come raccontato da Gerlando Cardinale sulle pagine del Giornale di Sicilia oggi in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X