NELL'AGRIGENTINO

"Chiedeva il pizzo", imprenditori confermano accuse contro il boss Antonio Massimino

«La prima volta è venuto chiedere se potevamo farlo lavorare come piastrellista, subito dopo ci ha detto che lo mandavano quelli di Agrigento e che bisognava fare un regalino». Gli imprenditori Sergio ed Ettore Li Causi confermano in aula le accuse nel processo di appello a carico del boss Antonio Massimino, 50 anni, accusato di avere imposto il racket a due noti costruttori agrigentini, e del suo presunto braccio destro Liborio Militello, di un anno più grande.

In primo grado, il 19 aprile dell'anno scorso, il gup di Palermo, Fabrizio Molinari, ha deciso l'assoluzione di Massimino e la condanna di Militello a quattro anni di reclusione. Sia i pm della Dda Claudio Camilleri e Alessia Sinatra che il difensore di Militello, l'avvocato Giovanni Castronovo (Massimino è difeso dall'avvocato Salvatore Pennica) hanno impugnato il verdetto e la vicenda sarà, adesso, interamente ridiscussa, così come raccontato sulle pagine del Giornale di Sicilia oggi in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X