stampa
Dimensione testo
SQUADRA MOBILE

Furto di un trattore a Canicattì, oggi l'interrogatorio: è caccia ai complici

Verrà ascoltato nelle prossime ore il trentatreenne arrestato, e posto ai domiciliari in ospedale, per il furto di un camion e di un trattore messi a segno - secondo l'accusa - assieme ad altri tre complici, nella notte fra sabato e domenica, nelle campagne di Canicattì.

Vincenzo Pinto, domiciliato a Canicattì, verrà interrogato dai poliziotti delle Volanti e della Squadra Mobile della Questura di Agrigento e dovrà cercare di fare chiarezza sulla sua posizione. Ma le sue parole potrebbero anche rappresentare la chiave di volta per identificare i suoi tre complici. Tre uomini che, quella notte, sono riusciti a far perdere le proprie tracce scappando per le campagne fra il Villaggio Mosè e Palma di Montechiaro.

Il ferito, posto appunto ai domiciliari in ospedale, ieri, ha subito un delicato intervento chirurgico per la riduzione di una frattura ed ecco perché investigatori e inquirenti lo sentiranno nelle prossime ore: verosimilmente nella giornata di oggi. Stando alle ricostruzioni effettuate dalla polizia di Stato, che si sta appunto occupando dell'inchiesta e di sviluppare sul campo l'attività per identificare gli altri tre complici, il trentatreenne non sarebbe stato alla guida del camion. Sarebbe stato un passeggero. Un uomo che, stando sempre all'accusa, durante la fuga, è caduto da un viadotto alto circa 9 metri tant'è che è rimasto seriamente ferito.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X