stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Minacciò ex suocero con la pistola, a giudizio un34enne di Villaseta

di

"Mi ha minacciato con la pistola puntandomela in direzione della faccia, la sua compagna gli diceva di lasciar perdere e lui le ha intimato di stare zitta perché mi avrebbe ammazzato".

Il trentaquattrenne Gaetano Licata, di Villaseta, condannato a 10 anni di reclusione per associazione mafiosa nell'ambito dell'operazione «Nuova Cupola» con l'accusa di essere un affiliato della cosca di Porto Empedocle, finisce ancora a processo con l'accusa di avere minacciato con una pistola l'ex suocero col quale i rapporti, in seguito alla separazione dalla figlia, si erano deteriorati. Ieri l'uomo ha raccontato l'aggressione.

"Era in auto con la sua nuova compagna, quando mi ha visto ha impugnato la pistola e me l'ha puntata. La donna che era accanto a lui gli ha detto di lasciar perdere e lui ha insistito dicendole che mi avrebbe ammazzato".

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X