stampa
Dimensione testo
MAFIA

Inchiesta "Montagna", 52 imputati scelgono l’abbreviato. Rito ordinario per l'ex sindaco di San Biagio Platani

Entra nel vivo l'udienza preliminare scaturita dalla maxi inchiesta antimafia denominata "Montagna". Cinquantadue imputati su 58, compreso il trentottenne Francesco Fragapane di Santa Elisabetta, ritenuto il nuovo capo del mandamento della Montagna, hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato.

Soltanto in sei, fra cui l'ex sindaco di San Biagio Platani, Santo Sabella, accusato di avere stretto un patto elettorale con il boss del paese Giuseppe Nugara, scelgono, invece, il rito ordinario.

Dunque, sarà il giudice dell'udienza preliminare di Palermo, Marco Gaeta, a decidere se assolvere o condannare. In quest'ultimo caso la pena sarebbe ridotta di un terzo.

I difensori, però, hanno chiesto alcune "condizioni" al rito abbreviato che di norma esclude l'ammissione di altre prove. È stato proposto di sentire, ad esempio, il pentito Giuseppe Quaranta, altri testi e trascrivere alcune intercettazioni.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X