stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Spacciava durante le ore di lavoro", empedoclino condannato
TRIBUNALE

"Spacciava durante le ore di lavoro", empedoclino condannato

di

PORTO EMPEDOCLE. Quattordici anni e sei mesi di reclusione per un ampio ventaglio di accuse che vanno dallo spaccio di droga, agli atti sessuali con minorenni, alla rapina e alla truffa ai danni del Comune: l’empedoclino Luigi Nicastro, 43 anni, personaggio chiave dell’inchiesta «Express Courier», intercettato al telefono si vantava di andare in giro a spacciare anziché recarsi al lavoro.

Nicastro avrebbe dovuto lavorare alle dipendenze del Comune in quanto beneficiario di un sussidio. Dopo la richiesta di condanna del pubblico ministero Matteo Delpini (nove anni, molto inferiore a quella inflitta) il sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmina, si era anche affrettata a smentire chi, erroneamente, lo aveva indicato come «dipendente comunale».

GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X