stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cercò di uccidere la moglie, il Comune di Sciacca lo licenzia
IL CASO

Cercò di uccidere la moglie, il Comune di Sciacca lo licenzia

di

SCIACCA. A poco meno di due anni dall'arresto e dopo quattro mesi dalla sentenza d' appello che lo ha condannato a 6 anni di reclusione per tentato omicidio e violenza a carico della moglie , è stato licenziato dal Comune di Sciacca.

"Depennamento del lavoratore socialmente utile" è l' oggetto della determinazione dirigenziale che la difesa di Amato annuncia di volere impugnare al Tar. «E' stato oggetto di un provvedimento e pertanto impossibilitato a svolgere il regolare lavoro a cui lo stesso era assegnato» è scritto nella determina pubblicata all'albo pretorio. Nello scorso mese di giugno la terza sezione della Corte di Appello di Palermo ha confermato la sentenza che era stata emessa dal giudice Luisa Intini del Tribunale di Sciacca.

Nel giudizio di primo grado, che si è svolto con il rito abbreviato, ad Amato erano state riconosciute le attenuanti generiche oltre a beneficiare dello sconto di un terzo della pena. La riqualificazione del reato da tentato omicidio in lesioni e l' assoluzione dall' accusa di violenza.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X