stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Il Canicattì perde pezzi: via Russello, Erbini, Caronia e Matera
CAMPIONATO DI ECCELLENZA

Il Canicattì perde pezzi: via Russello, Erbini, Caronia e Matera

Jetty Russello, Mario Erbini, Agrigento, Calcio
Mario Erbini

Al Canicattì (campionato di calcio di Eccellenza) i giocatori hanno iniziato a fare le valigie. Ben quattro atleti hanno già salutato i tifosi biancorossi. Si tratta di Jerry Russello, Mario Erbini, Angelo Caronia e Federico Matera. L’artiglieria pesante della squadra canicattinese che lo scorso campionato non è riuscita nell’impresa del salto di categoria.

«Russello ed Erbini - fa sapere la società biancorossa del presidente Angelo Licata - sono stati lasciati liberi di valutare opportunità professionali e calcistiche al nord Italia. Ringraziamo entrambi i calciatori per avere onorato fino all’ultimo secondo, la nostra gloriosa maglia».

Dopo tre anni (e qualche breve pausa), lascia il Canicattì anche l’estroso attaccante Angelo Caronia. Ed ha rimesso i vestiti in valigia anche il bomber Federico Matera, uno dei più prolifici attaccanti di questi due ultimi anni tra le fila del Canicattì. Per il momento si registrano solo movimenti in uscita.

Prima di iniziare a trattare con gli altri giocatori rimasti, la società dovrà sciogliere il nodo dell’allenatore. Proprio domani è in programma l’incontro con Pippetto Romano per confermare l’intesa che era stata raggiunta già lo scorso anno, quando tecnico e società avevano stabilito un accordo biennale.
Una volta deciso questo passaggio sarà dato mandato al direttore sportivo, Alessandro Avarello (se accetterà l’incarico anche per il prossimo campionato), di allestire una rosa di calciatori qualificata per raggiungere l’obiettivo della serie D.

Infine, per lo stadio Carlotta-Bordonaro sono arrivate le rassicurazioni dell’amministrazione comunale che ha confermato l’inizio dei lavori di ristrutturazione dell’impianto entro l’anno. Nel frattempo si potrebbe continuare a disputare le gare interne al Saraceno di Ravanusa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X