IN APPELLO

Omicidio dopo una lite davanti ad pub di Canicattì, confermata una condanna a 30 anni

I giudici della Corte di assise di appello di Palermo hanno confermato la condanna a 30 anni di reclusione nei confronti di Daniele Lodato, 34 anni, di Canicattì, imputato dell’omicidio del ventiduenne Marco Vinci, ucciso a coltellate il 17 giugno del 2017 davanti a un pub di piazza San Domenico.

L’omicidio è avvenuto al culmine di una banale lite avvenuta poco prima dentro il locale. Lodato, dopo avere avuto una colluttazione con Vinci e alcuni suoi amici, si sarebbe allontanato con lo scooter per prendere l’auto sulla quale c'era un coltello, e consumare la vendetta: Vinci, che nel frattempo si era allontanato di alcuni metri e si trovava nel piazzale vicino al posteggio, venne colpito con un fendente allo stomaco e morì poco dopo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X