stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Naro, tre fratellini avvelenati: ipotesi vino al metanolo

Naro, tre fratellini avvelenati: ipotesi vino al metanolo

La presenza della sostanza utilizzata per aumentare la gradazione alcoolica, spiegherebbe la gravità dell'avvelenamento e anche la versione data dai familiari. Le loro condizioni restano stazionarie
Agrigento, Archivio

CANICATTI'. Una bottiglia di vino al metanolo lasciata in cucina avrebbe provocato l'avvelenamento dei tre fratellini romeni, tutti maschi di 5, 7 e 10 anni residenti a Naro, che ieri mattina sono stati trasportati d'urgenza all'ospedale civile di Canicattì. A questa ipotesi stanno lavorando i carabinieri della stazione di Naro dopo aver ricevuto il referto medico del personale in
servizio al pronto soccorso dell'ospedale 'Barone Lombardo'.

La presenza di metanolo nel vino, utilizzato per aumentarne la gradazione alcoolica, spiegherebbe la gravità dell'avvelenamento e anche la versione data dai familiari dei piccoli che avevano indicato come probabile causa dei cioccolatini contenenti liquore. Sulla vicenda comunque faranno
luce i carabinieri che riferiranno all'autorità giudiziaria. Restano stazionarie le condizioni dei tre bambini ricoverati da ieri in strutture specializzate di Agrigento, Messina e Palermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X