LOTTA ALLA MAFIA

Agrigento, commissione per i beni confiscati ai boss

di

AGRIGENTO. Ancora un passo avanti per assegnare in concessione a favore di soggetti del privato sociale altri 33 ettari di terreni confiscati a soggetti ritenuti riconducibili a famiglie mafiose della zona tra Naro, Campobello di Licata ed Agrigento.

I comuni assegnati dallo Stato all’amministrazione comunale di Naro, e da questa al “Consorzio agrigentino per la Legalità e lo sviluppo” attendono ancora, da non meno di sei mesi, di trovare un soggetto giuridico che ne garantisca la sana e trasparente gestione rimettendolo in produttività.

Per farlo era necessaria pure la nomina di una Commissione di valutazione delle istanze. Adesso con decreto del presidente del consorzio, Giuseppe Danile, la commissione è stata composta e risulta composta dal segretario comunale Domenico Tuttolomondo e dai componenti Lidia Saieva e Giovanni Aldo Colussi che lo scorso 22 dicembre con protocollo 163 e 164 hanno presentato le uniche domande di nomina.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X