IN CAMPAGNA

Naro, macabra intimidazione a un operaio: impiccato cane randagio

di
Nel corso della notte tra sabato e domenica qualcuno ha bruciato un casolare di campagna di proprietà di un campobellese

NARO. Macabra intimidazione nei confronti di un operaio cinquantenne di Campobello di Licata, senza precedenti penali. Nel corso della notte tra sabato e domenica, anche se la notizia è stata resa nota soltanto ieri mattina, qualcuno ha bruciato un casolare di campagna di proprietà del campobellese A.L. Ma l’aspetto più inquietante dell’accaduto è che proprio accanto all’ingresso del casolare gli autori dell’intimidazione hanno impiccato ad una staccionata, probabilmente dopo averlo seviziato, un cane.

Ad indagare sull’accaduto sono i carabinieri della compagnia di Licata, coordinati dal capitano Marco Currao, i quali operano insieme ai militari della stazione di Naro. Ieri mattina l’operaio campobellese si è presentato in caserma a Naro per sporgere denuncia. L’uomo, sentito dagli investigatori, avrebbe detto di non essere in grado di avanzare sospetti su alcuno. Non avrebbe nessuna idea riguardo ai possibili autori della grave, e per certi versi raccapricciante, intimidazione posta in essere nei suoi confronti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook