TRIBUNALE

Depuratore di Aragona, chiesta la condanna del sindaco

di
Stessa richiesta dell’accusa per il predecessore Alfonso Tedesco e per il dirigente comunale Rosario Monachino

ARAGONA. «I reflui fognari sarebbero finiti nel vallone del fiume Platani visto che per cinque anni nessuno si sarebbe preoccupato di ottenere l'autorizzazione allo scarico, scaduta nel 2008, utilizzando quindi abusivamente il depuratore comunale di Aragona».

È la tesi del pubblico ministero Antonella Pandolfi che ieri ha illustrato la sua requisitoria chiedendo la condanna del sindaco Salvatore Parello, del suo predecessore Alfonso Tedesco, in carica nel quinquennio precedente, e del dirigente comunale Rosario Monachino. Per quest'ultimo sono stati proposti tre mesi di reclusione; quattro mesi per Parello e Tedesco. Il 2 dicembre gli avvocati Alfonso Neri e Salvatore Pennica illustreranno le proprie arringhe conclusive. I tre imputati sono accusati di danneggiamento e violazione del codice dei beni culturali. Parello e Tedesco rispondono anche di omissione di atti di ufficio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X