LA VERTENZA

Nessuna direttiva, le terme di Sciacca restano chiuse

di

SCIACCA. «Non c'è nulla, né una comunicazione dell'Asp e neanche una direttiva da parte della Regione». Lo dice Carlo Turriciano, liquidatore delle Terme, e questo esclude che si possa giungere, a breve, ad un'apertura anche dei soli stabilimenti, che pure in estate e in autunno lavoravano a pieno ritmo. L'Asp non comunica, ufficialmente, la disponibilità a gestire gli stabilimenti delle Terme, il liquidatore, Carlo Turriciano, non convoca l'assemblea dei soci per procedere all'affidamento e tutto resta bloccato.
Turriciano la prossima settimana convocherà l'assemblea dei soci, ma solo per l'approvazione del bilancio che prevede una perdita di 2 milioni di euro. I debiti della società in liquidazione, intanto, crescono ed hanno toccato quota 10 milioni, oltre metà dei quali con la Regione che è proprietaria delle strutture. «E dopo l'approvazione del bilancio - dice Turriciano - dovremo cercare di vendere per completare la liquidazione».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X