stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Nessuna direttiva, le terme di Sciacca restano chiuse
LA VERTENZA

Nessuna direttiva, le terme di Sciacca restano chiuse

di

SCIACCA. «Non c'è nulla, né una comunicazione dell'Asp e neanche una direttiva da parte della Regione». Lo dice Carlo Turriciano, liquidatore delle Terme, e questo esclude che si possa giungere, a breve, ad un'apertura anche dei soli stabilimenti, che pure in estate e in autunno lavoravano a pieno ritmo. L'Asp non comunica, ufficialmente, la disponibilità a gestire gli stabilimenti delle Terme, il liquidatore, Carlo Turriciano, non convoca l'assemblea dei soci per procedere all'affidamento e tutto resta bloccato.
Turriciano la prossima settimana convocherà l'assemblea dei soci, ma solo per l'approvazione del bilancio che prevede una perdita di 2 milioni di euro. I debiti della società in liquidazione, intanto, crescono ed hanno toccato quota 10 milioni, oltre metà dei quali con la Regione che è proprietaria delle strutture. «E dopo l'approvazione del bilancio - dice Turriciano - dovremo cercare di vendere per completare la liquidazione».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X