DECISIONE DEL PM

Ragazzo ucciso a Licata, c'è un primo indagato: è un giovane del luogo

di
Si tratta di un giovane del luogo cui la polizia, ieri mattina, ha sequestrato l’autovettura

LICATA. Per il momento si tratta di un atto dovuto, relativo al fatto che è stato disposto il sequestro della sua auto, ma nella vicenda del cadavere rinvenuto mercoledì mattina in una villa abbandonata di contrada Nicolizia, c’è un primo indagato. Gli inquirenti mantengono uno strettissimo riserbo sulle indagini, ma i pm Salvatore Vella e Simona Faga avrebbero iscritto nel registro degli indagati un giovane del luogo.

Si tratta del proprietario dell’auto di media cilindrata che è stata sequestrata ieri mattina per eseguire tutti i rilievi del caso. Sull’auto, che ora si trova nelle rimesse del commissariato di polizia cittadino, verranno eseguiti tutti gli accertamenti. Già domani la scientifica della questura di Agrigento eseguirà i primi rilievi sul mezzo, nel tentativo di trovare indizi utili alle indagini. Il neo indagato è stato già interrogato nei giorni scorsi dalla polizia, e dai pm che coordinano le indagini sul ritrovamento del cadavere, ma nulla trapela circa le risposte che ha dato agli investigatori. Il giovane, secondo indiscrezioni, sarebbe stato l’ultimo a vedere in vita Angelo Truisi.

 

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X