TRIBUNALE

Il tentato omicidio di Cammarata: scarcerato il palmese Luigi Bracco

di

PALMA DI MONTECHIARO. Luigi Bracco, imprenditore agricolo di Palma di Montechiaro arrestato venerdì della scorsa settimana, insieme al figlio Giuseppe, con l’accusa del coinvolgimento nel tentativo di omicidio del genero, ha lasciato il carcere di contrada Petrusa in cui era rinchiuso. Il gip del Tribunale, Stefano Zammuto, ha accolto la richiesta di scarcerazione avanzata dal legale dell’indagato, l’avvocato Santo Lucia, ed ha concesso a Luigi Bracco i domiciliari. L’uomo ha già lasciato la casa circondariale ed è tornato a Palma. Rimane in carcere, invece, il figlio.

Secondo i pm Macaluso e Cinque della procura di Agrigento, che hanno coordinato le indagini della squadra mobile e del commissariato di polizia di Palma di Montechiaro, il 30 settembre scorso in contrada Cipolla sarebbe stato Giuseppe Bracco ad esplodere, al termine di un alterco, tre colpi di pistola all’indirizzo della Mercedes sulla quale si trovava Epifanio Cammarata, il cognato.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook