Omicidio a Favara, l'indagato risponde al gip: si teme che copra altre persone

Antonio Baio, 72 anni, che ha confessato di avere ucciso Calogero Palumbo Piccionello, 67 anni, il "re delle slot machine", ha descritto un quadro che poco coinciderebbe con le prime risultanze dell'autopsia eseguita ieri
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Antonio Baio, 72 anni, che ha confessato di avere ucciso Calogero Palumbo Piccionello, 67 anni, il "re delle slot machine" dell'Agrigentino, ha risposto alle domande del Gip del tribunale di Agrigento Luisa Turco.

L'anziano, imprenditore edile, ha raccontato le modalità operative dell'agguato, in via Napoli a Favara la notte di martedì, ma ha descritto un quadro che poco coinciderebbe con le prime risultanze dell'autopsia eseguita ieri. Sul movente, Baio ha parlato di un litigio, avvenuto diversi mesi fa, con la vittima, perché pare che Piccionello avesse parlato male di lui. Motivi ritenuti poco attendibili dalla Procura.

Il dubbio, a questo punto, è che l'anziano - difeso dall'avvocato Salvatore Russello - possa coprire altre persone. L'inchiesta è condotta dal sostituto procuratore Salvatore Vella che ha chiesto la convalida del fermo e la conferma della misura cautelare in carcere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X