stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Naro, via Vanelle rinasce con le opere dei giovani artisti

Naro, via Vanelle rinasce con le opere dei giovani artisti

Si rivitalizza l’area di via Vanelle, a Naro, devastata il 4 febbraio del 2005 da una drammatica frana. Merito della creatività dell’Accademia di Belle arti di Firenze, che è al lavoro per fare rigermogliare le pareti di quelle che furono case, negozi, luoghi di vita comune. L’idea è nata a margine del progetto Giovani artisti e committenza pubblica, che ha ricevuto il patrocinio della Presidenza dell’Ars e che vede gli studenti del prestigioso istituto d’Arte impegnati a Naro.

Una collaborazione che ha già consentito la realizzazione di un grande murale dedicato a Rosario Livatino e di un’altra meravigliosa pittura muraria nella zona di piazza San Calogero, che permetterà il restauro della sala consiliare Morello e che adesso sta vedendo la rinascita di questa porzione del centro storico di Naro. I giovani artisti stanno ancora lavorando per completare le loro opere, ispirate alla tradizione e alla storia del Paese. Così, tra le mura scrostate appaiono alberi in frutto, uccelli variopinti, donne anziane davanti l’uscio di casa o meravigliose fontane a tema classico. Tutto sotto gli occhi stupiti e ammirati dei cittadini e degli ormai pochi residenti che ancora vivono in via Vanelle.

«Ricordo bene quel giorno – dice il sindaco Maria Grazia Brandara – perché anche in quell’occasione ricoprivo la carica di primo cittadino. Ricordo quei momenti dolorosi per la nostra Naro. Questa ferita è rimasta nel tempo, e anche se i residenti sono stati parzialmente risarciti, non esiste un risarcimento congruo per la ferita inflitta alla storia della città e a questo quartiere». «Grazie all’Accademia prosegue il sindaco -, abbiamo riportato qui la vita attraverso queste opere straordinarie. Nostro compito sarà adesso quello di puntare su una rigenerazione urbana che possa consentire ai cittadini di tornare a vivere qui e ai turisti di fruire di questa porzione del nostro centro storico».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X