stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Agrigento, 500 pizze per i detenuti del carcere Petrusa

di
carceri, Agrigento, Società
Ingresso del carcere Petrusa

«Iniziative come questa sono importanti per non perdere la speranza e per poter avere momenti di collegamento con la società esterna»: lo ha detto il direttore della casa circondariale «Pasquale Di Lorenzo» di Agrigento, Valerio Pappalardo, a margine dell'evento «Pizziata in compagnia».

Due giorni solidali in favore dei detenuti tra degustazione della «Pizza di Qualità Siciliana» e spettacoli dei pizzaioli acrobatici all'interno del carcere agrigentino di contrada Petrusa. L'iniziativa è stata promossa dalla Cifa Unione Pizzaioli Italiani in collaborazione con Eap-Fedarcom e la casa circondariale nell'ambito del progetto «Aquilone» finalizzato all'inclusione e all'inserimento socio-lavorativo delle persone in esecuzione penale.

«Occorre assolutamente scommettere - ha sottolineato il direttore Pappalardo - sulla possibilità di un recupero e, anche se i risultati non sono straordinariamente edificanti, dobbiamo continuare a sperare che qualche individualità possa essere recuperata. In tal senso, momenti di contatto con il sociale e di collegamento con la comunità in cui una persona tornerà a vivere dopo aver scontato il suo debito con la giustizia, a mio modesto avviso, appaiono del tutto fondamentali».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X