stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Agrigento, pignoramento blocca il Consorzio di bonifica: dipendenti senza paga da febbraio
INTERROGAZIONE

Agrigento, pignoramento blocca il Consorzio di bonifica: dipendenti senza paga da febbraio

consorzi di bonifica, Carmelo Pace, Agrigento, Politica
Carmelo Pace

Carmelo Pace, capogruppo della Dc all’Ars, insieme al collega Ignazio Abbate, ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione e all’assessore regionale all’Agricoltura, sollecitando una soluzione alla questione relativa al Consorzio di bonifica Agrigento che, a causa di una condanna a un risarcimento di 3 milioni e mezzo di euro subìta di recente, è stato costretto a sospendere il pagamento degli stipendi al personale (ormai dallo scorso febbraio).

«I lavoratori, a causa di questa vicenda giudiziaria, dal mese di febbraio non percepiscono le retribuzioni dovute, con grave nocumento - scrivono Pace e Abbate - per le tante famiglie il cui bilancio economico dipende da questo lavoro, così come i lavoratori stagionali, anch’essi in attesa del saldo dovuto a dicembre 2022. La mancata assegnazione delle risorse dovute per le retribuzioni dei dipendenti mette a rischio l’imminente campagna irrigua con gravi conseguenze per il comparto agricolo».

«Per tali ragioni - concludono gli onorevoli Pace e Abbate - è necessario che il governo intervenga con la massima celerità al fine di scongiurare la paralisi di tutte le attività del Consorzio. Si valuti il ricorso a un contributo regionale straordinario che compensi le mancate retribuzioni a far data dal mese di febbraio 2023 e individuare una soluzione normativa che renda impignorabili i trasferimenti destinati al pagamento degli stipendi dei lavoratori».

«Sono molto allarmata - dice la deputata di FdI Giusi Savarino - dalla situazione emersa al Consorzio di bonifica Agrigento 3, dove i 270 lavoratori forestali hanno proclamato lo stato di agitazione dopo mesi in cui non percepiscono lo stipendio. A seguito di atti di pignoramento per una controversia giudiziaria che sta pregiudicando le attività di gestione del consorzio e la campagna irrigua, sono stati interrotti i fondi che la Regione Siciliana aveva destinato al pagamento delle mensilità ai lavoratori».

Savarino spiega di avere «già posto all’attenzione del governo regionale questa situazione e richiesto un intervento per raggiungere soluzioni tempestive, alcune delle quali possiamo e dobbiamo metterle in atto già la prossima settimana con emendamenti al disegno di legge in Ars. Bisogna rintracciare e trasferire fondi ad hoc per arginare la gravosa condizione nell’Agrigentino; modificare la norma che riguarda i capitoli generici di spesa così da rendere impignorabili gli stipendi; riaggiornare al più presto la vecchia riforma dei consorzi così che qualora, e questa è una eventualità che non deve trovarci impreparati, emergessero nuovi debiti in capo al consorzio questo riuscirebbe a fronteggiare la crisi».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X