stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Terme di Sciacca, Catanzaro (Pd): "Musumeci assente, ha perso una grande occasione"
L'INIZIATIVA

Terme di Sciacca, Catanzaro (Pd): "Musumeci assente, ha perso una grande occasione"

«Musumeci ha perso una grande occasione nei confronti di un intero territorio». Così il parlamentare regionale del Pd Michele Catanzaro a proposito della "Marcia su Palermo per le Terme" iniziata la mattina del 18 giugno a Sciacca, l'iniziativa promossa dalla locale amministrazione comunale per protestare contro la Regione Siciliana (proprietaria del patrimonio termale) che dopo 6 anni dalla chiusura di tutti gli impianti non ha ancora trovato una soluzione per riaprirli e rilanciarli.

«Al posto del presidente Musumeci, io avrei fatto di tutto per essere presente e rassicurare la città di Sciacca sulla volontà del governo regionale di avviare qualunque iniziativa a favore delle Terme e in generale per lo sviluppo termale in Sicilia - aggiunge Catanzaro - ed avrei meglio chiarito i contorni dell’annuncio ad effetto di 10 giorni fa, l’ennesimo che fa e che purtroppo non si concretizza, volto ad impegnare risorse regionali per riqualificare le Terme di Sciacca e Acireale che sono in stato di abbandono totale. Ieri, al termine di una giornata storica di democrazia e libertà, il sindaco Valenti ha lasciato davanti la sede del governo un alberello di ulivo come segno di grande disponibilità a dialogare nell’interesse di tutti. Ora attendiamo Musumeci a Sciacca, perchè finalmente esponga qual è la sua idea per il futuro del termalismo siciliano».

«La marcia per le Terme è stata un’esperienza entusiasmante - dice ancora Catanzaro che ha partecipato all’iniziativa - siamo stati accolti con grande entusiasmo in tutti i Comuni attraversati. I sindaci che conoscono bene le ragioni della protesta hanno espresso la solidarietà per una battaglia contro uno stortura burocratica che danneggia il futuro economico e turistico della nostra regione. C'è una Sicilia che sogna lo sviluppo che consenta a tanti giovani di restare nella propria terra, tutta la politica è chiamata ad ascoltare ed intervenire».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X