stampa
Dimensione testo
IN COMUNE

Sciacca, il sindaco Valenti: "Non accetto imposizioni"

di

«Persone, modi e tempi, sono situazioni che decide il sindaco. Nessuno può impormi modi, tempi, persone e non sono disponibile, come non lo sono mai stata, ad ultimatum. Nessuno può pensare che si possano predisporre atti di sostituzione senza che io ne sia a conoscenza. È assolutamente inaccettabile».

Poche parole, ma assai chiare da parte del sindaco di Sciacca, Francesca Valenti, che non accetta il metodo seguito da Sciacca Democratica Italia Viva che dopo le dimissioni da assessore di Calogero Segreto ha subito proposto Gianluca Guardino e poche ore più tardi sono seguite anche le dimissioni dell'altro assessore dei Renziani vicini all'ex senatore Nuccio Cusumano, Carmelo Brunetto. Insomma, Francesca Valenti non accetta e pur dichiarandosi pronta a discutere frena sull'impostazione che era stata data dalla componente che rappresenta uno dei pilastri della maggioranza al Comune.

L'assessore Carmelo Brunetto ieri si è affrettato a dichiarare: «Con le intervenute dimissioni di Segreto ho ritenuto di dimettermi per consentire una valutazione, su tutta la nostra rappresentanza in giunta, al gruppo consiliare e al gruppo dirigente nostro, ma, soprattutto, mi preme precisare, che nulla hanno a che fare con il consigliere Guardino. Invero, non esiste nessun niet su Guardino da parte del sindaco, così come erroneamente asserito».

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento, Caltanissetta ed Enna del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X