stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Il trentenne segregato a Naro, il sindaco: "Una vergogna"

naro, Agrigento, Politica
Maria Grazia Brandara

I carabinieri avevano dei sospetti su quella coppia: in un piccolo paese, qual è Naro, le voci sugli orrori di quella casa si susseguivano. È stata avviata un'inchiesta - coordinata personalmente dal procuratore capo Luigi Patronaggio e dal sostituto Gloria Andreoli - e sono state piazzate anche delle «cimici». A muovere gli investigatori sono stati, per loro stessa ammissione, i sentimenti di rabbia e affetto nei confronti dello sfortunato giovane.

Un trentatreenne che quando, sabato sera, è stato liberato è stato anche accompagnato in un centro specializzato per le cure e l'assistenza necessaria. E nelle ultime ore, i militari dell'Arma - stando a quanto è stato reso noto dal comando provinciale di Agrigento - hanno fatto una colletta e si recheranno presto a trovarlo.

L'averlo liberato da quella catena ha, di fatto, riempito il cuore dei militari d'orgoglio e di speranza: sono stati loro - i carabinieri della stazione di Naro e quelli della compagnia di Licata - a scrivere, per fortuna, la parola «lieto fine».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X