stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Rigassificatore di Porto Empedocle, ad un passo dallo stop finale
IL CASO

Rigassificatore di Porto Empedocle, ad un passo dallo stop finale

di
Il cantiere è fermo ormai da anni e la stessa Enel non sembra intenzionata alla ripresa del lavori per la realizzazione effettiva dell’impianto

PORTO EMPEDOCLE. È stato il sogno di una notte di mezza estate per alcuni e quasi l’incubo per altri. Il rigassificatore di Porto Empedocle è ad un passo dal rimanere un’altra incompiuta tutta italiana. Anni di burocrazia, carte bollate, dibattiti fra politici e ambientalisti, stanno dissolvendosi nel vento e i tanti indizi disseminati in questi ultimi periodi, stanno facendo capire che l’Enel non sia più interessata alla realizzazione dell’impianto. Ed è lo stesso sindaco di Porto Empedocle Lillo Firetto, ad esternare alcune perplessità in merito alla vicenda. «Il rigassificatore - spiega Firetto - sarebbe stato un’opportunità che queto territorio secondo il mio punto di vista, doveva cogliere. Anche Agrigento avrebbe potuto trarne benefici sedendosi ad un tavolo compensativo che non si è realizzato».

Quindi, secondo lei, si è persa un’occasione...

«Penso proprio di sì - aggiunge il parlamentare regionale - perchè quando vediamo arrivare il report dell’azienda Enel sullo stato del cantiere, partito nel luglio 2011 e che ad oggi è fermo, vorrà dire che qualcosa non ha funzionato e che forse l’intero progetto si è bloccato definitivamente».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X