stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Nuova bufera sulla Tre Sorgenti, si è dimesso il presidente
ACQUEDOTTO

Nuova bufera sulla Tre Sorgenti, si è dimesso il presidente

di

Fibrillazioni interne al Consiglio d’amministrazione del consorzio acquedottistico «Tre Sorgenti» di Canicattì. Dopo l’elezione del vice presidente, Francesco Conti, eletto in rappresentanza del Comune di Racalmuto, il presidente Gessica Lo Giudice ha annunciato le proprie dimissioni.

«L’assemblea dei soci – ha detto Lo Giudice – in occasione dell’elezione del vice presidente, ha evidenziato una nuova mancanza di rispetto personale ed istituzionale oltre ad essere un affronto al lavoro estenuante portato avanti senza sosta dal Consorzio». Il presidente si dimetterà non appena si sarà insediato Conti, che ha sostituito all’interno del Cda l’ex vice, Calogero Malluzzo. Ed ha spiegato anche perché: «Voglio evitare il commissariamento da parte della Rgione» .

Poi Gessica Lo Giudice, che è stata bersaglio di alcune dichiarazioni dei sindaci dei comuni consorziati al Tre Sorgenti e cioè: Canicattì, Campobello di Licata, Ravanusa, Licata, Palma di Montechiaro, Grotte e Racalmuto, solo perché è la cognata del sindaco della città del Gattopardo, Stefano Castellino, si è tolta qualche sassolino dalla scarpa.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X