stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Buoni spesa, a Canicattì richieste sospette
COMUNI

Buoni spesa, a Canicattì richieste sospette

di
buoni spesa, Agrigento, Economia

La seconda tornata di richieste per accedere ai buoni spesa distribuiti dal comune di Canicattì per far fronte alle ulteriori difficoltà economiche generate dall'emergenza Covid-2019 sono risultati troppi. Alle circa 1.200 richieste presentate entro la data del 6 aprile scorso se ne sono aggiunte altre 1.700.

Un incremento ulteriore ritenuto eccessivo dall'amministrazione comunale che per questo ha segnalato l'incongruenza alle autorità preposte per effettuare a tappeto le necessarie verifiche.

«Con le richieste presentate ad oggi in questa seconda trance -dice Antonio Giardina, assessore alle Politiche sociali- siamo giunti ad una percentuale del 22 per cento di nuclei familiari che verserebbero in stato di assoluta indigenza e mancanti di ogni altro aiuto statale o regionale come indennità di disoccupazione o reddito di cittadinanza. Una percentuale eccessiva rispetto alla totalità dei nuclei familiari residenti a Canicattì».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X