stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Sciacca, netturbini senza stipendio: pronti allo sciopero
LAVORO

Sciacca, netturbini senza stipendio: pronti allo sciopero

di

SCIACCA. «I lavoratori devono riscuotere dalla Sogeir due mensilità e mezza, il trattamento di fine rapporto oltre ad altre indennità. Siamo, per i 48 di Sciacca, ad una cifra che supera i 500 mila euro e che deve arrivare. Altrimenti siamo pronti alla protesta, anche a scioperare, a fermarci».

È Enzo Iacono, della segreteria provinciale Funzione Pubblica Cgil, ad annunciare che gli addetti al servizio di raccolta dei rifiuti a Sciacca, transitati al gestore privato, in comando dalla Srr, sono pronti a fermarsi.

«Dal privato, la Sea-Bono, devono riscuotere soltanto metà mensilità di maggio, ma il problema non è questo – afferma Iacono – e noi vogliamo sapere cosa si farà con la Sogeir perché il trattamento di fine rapporto, le due mensilità e mezza arretrate, i permessi retribuiti, la quota di tredicesima e di quattordicesima che spetta ai lavoratori e un’altra indennità di garanzia devono essere liquidate. Su questo non si può indugiare e l’attesa non può andare oltre».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X