stampa
Dimensione testo
TURISMO

Gastronomia alla Valle dei Templi, la scommessa del Consorzio

AGRIGENTO. Il Consorzio Turistico Valle dei Templi si accinge ad una nuova ed esaltante fase, che apre le porte anche ad approfondite riflessioni su come il territorio debba confrontarsi e adeguarsi all’evolversi delle sfide che pone il turismo.

Nello sviluppare il programma del prossimo anno, scommette sulla culinaria. La cucina agrigentina presenta una ricca e gustosa varietà di pietanze, per le influenze, anche in campo gastronomico, delle dominazioni che si sono succedute nel territorio, sia per la diversità fra le varie zone della provincia.

Nelle zone costiere e nelle Isole Pelagie, ad esempio, la gastronomia è naturalmente legata al mare, mentre nell'entroterra e nelle zone montane è basata su prodotti della terra - le arance di Ribera, la pesca di Bivona, l'uva di Canicattì, il melone cantalupo di Licata, le olive e l'olio di Caltabellotta, Burgio e Lucca Sicula - che si arricchisce con quelli dell'attività pastorale, quali carni e formaggi, freschi e stagionati, di Cammarata, San Giovanni Gemini e Santo Stefano di Quisquina.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X